I lavoratori pretendono un superminimo

Dopo l’incontro con il CODeBri e quello con i lavoratori, che hanno deliberato la linea delle proposte da portare alle Cooperative del Comunità Consorzio Brianza CCB (Meta, Tre Effe e Sociale della Brianza), abbiamo stilato questo accordo allegato sulla linea della mozione votata dai lavoratori.

Contro la diminuzione oraria proposta dalle cooperative, ciò che il PuntoSanPrecario di Monza rivendica per i lavoratori è un superminimo che copra almeno l’80% degli stipendi mancanti.

Ecco la proposta di accordo:

PROPOSTA DI ACCORDO

 Visto l’accordo sindacale del 6 febbraio 2012 ed il relativo monte ore collettivo / individuale, art. 37 CCNL Cooperative Sociali;

Visto  che il Consorzio Comunità Brianza lamenta la mancata coincidenza tra il monte ore annuo dichiarato da Cesed al momento del passaggio di appalto e il monte ore effettivo;

Incontrato il committente (CoDeBri) e valutata la possibilità di una riduzione del monte ore annuo in misura non superiore al 20% rispetto a quanto inizialmente dichiarato da Cesed e quanto lamentato  da CCB;

Consultati i lavoratori in ordine alla modifica unilaterale della tipologia contrattuale proposta agli stessi dal Consorzio Comunità Brianza; ovvero trasformazione dei contratti da part-time orizzontale in  part-time verticale,

Considerata la necessità di salvaguardare le condizioni economiche delle lavoratrici e dei lavoratori.

Le Parti concordano quanto segue:

riduzione di tutti i rapporti di lavoro transitati da Cesed a CCB nella misura non superiore al 20% fermo restando la tipologia contrattuale, orizzontale o verticale, dei contratti attualmente in essere, fatti salvi i residuali contratti a tempo pieno (due);  

istituzione, come salvaguardia economica, per tutti i lavoratori, di una somma da corrispondersi mensilmente, a titolo di super minimo non assorbibile, pari al 80% della riduzione oraria di cui al precedente punto a). Sono esclusi i contratti a tempo pieno;

è facoltà del lavoratore di trasformare i part-time orizzontali in verticali, fatto salvo il monte ore annuale come sopra determinato;

al personale che opta per il rapporto di lavoro part-time orizzontale a fronte di periodi di inattività dovuta a carenza di attività può essere applicata la previsione dell’orario plurisettimanale con recupero del debito orario negli altri periodi dell’anno purché i periodi di inattività che devono in ogni caso essere regolarmente retribuiti non siano superiori al mese oltre al periodo di ferie programmate;

che la gestione dell’orario non potrà in ogni caso comportare conguagli negativi per i lavoratori a fine anno.

con il presente accordo il CCB si impegna a riconoscere a tutti i lavoratori transitati da Cesed, attraverso le coop. soc. collegate, il diritto all’incremento dell’orario di lavoro fino al raggiungimento del tempo pieno nel caso di acquisizione di nuovi appalti con precedenza su nuove assunzioni. 

 Le parti, su richiesta, s’impegnano ad incontrarsi, entro la fine dell’anno corrente, per una verifica sull’applicazione dell’accordo e ogni qualvolta si renda necessario.

This entry was posted in CeSeD Story and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *